Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, acconsenti ed accetti l'uso dei cookie.

FINE VITA: dal Testamento Biologico al Caso Cappato...tra alibi e ritardi della politica


Lunedì 18 febbraio 2019 - Ore 20.30

Sala Alessi, Palazzo Marino Comune di Milano

Il 17 febbraio ricorre l'anniversario del processo farsa a Giordano Bruno, avvenuto nel 1600 e anche l’anniversario dell'emanazione delle Lettere Patenti che han concesso libertà di culto nel Regno Sabaudo, nel 1848. 

Come ogni anno la Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni celebra questa Giornata per la Laicità, il pluralismo religioso e del libero pensiero proponendo un momento di riflessione e confronto per favorire l’esercizio di diritti di libertà e una società più laica, aperta e inclusiva.

Dopo un lungo e acceso confronto politico che ha segnato con un nulla di fatto più di un decennio, e a seguito dell’evoluzione normativa della scorsa legislatura e del dibattito degli scorsi mesi, quest’anno la Consulta torna ad affrontare il tema del Fine Vita. Tema non nuovo per la Consulta che tra fondatori e aderenti vanta associazioni di diverse appartenenze religiose, associazioni di non credenti, socialisti, liberali e associazioni del movimento LGBT che hanno cominciato a incontrarsi nel 2008 proprio sulla spinta del caso Englaro, e sulla necessità di maggior laicità, proponendo poi diverse iniziative e campagne sul testamento biologico e altri temi.

La Consulta è lieta di invitarvi a un incontro e confronto Lunedì 18 febbraio in Sala Alessi, Palazzo Marino ore 20.30

Saluti Istituzionali: Lamberto Bertolé e Diana De Marchi.

Relatori: Marilisa D'Amico, Beppino Englaro, Giada Lonati, Luca Savarino.

Modera: Luciano Belli Paci

Attraverso la testimonianza di Beppino Englaro e l’esperienza di Giada Lonati, medico e direttore sociosanitario dell’Associazione Vidas affronteremo le problematiche relative all'attuazione sulla legge sul Biostamento, legate non solo all'istituzione della banca dati destinata alla registrazione delle disposizioni anticipate di trattamento.

Grazie al contributo di Marilisa D’Amico, Prorettore dell’Università degli Studi di Milano e Professore Ordinario di Diritto Costituzionale, affronteremo gli aspetti giuridici salienti del cosiddetto Caso Cappato, ed in particolare l’imputazione di aiuto al suicidio su cui i magistrati avevano chiesto alla Corte costituzionale di esprimersi sulla legittimità della norma penale. Come noto, la Corte ha deciso di rinviare la trattazione della questione di costituzionalità dell’articolo 580 codice penale all’udienza del 24 settembre 2019 chiedendo però al Parlamento di legiferare. Con Luca Savarino, Professore Associato di Filosofia Morale, docente di Bioetica all'Università del Piemonte Orientale e membro del Comitato Nazionale per la Bioetica, approfondiremo la natura e complessità di alcune delle resistenze culturali, etiche, giuridiche del nostro tempo sui temi affrontati durante la serata.

Durante la serata Gianna Coletti proporrà un breve estratto da INTERRUZIONI spettacolo da lei scritto e interpretato, che ruota attorno all’incomunicabilità tra una figlia malata, pacificata con ciò che il destino le ha riservato, una madre che pare non comprendere la realtà e una dottoressa voce che guida il pubblico nelle battaglie di chi vuol decidere della propria vita fino all’ultimo respiro.

Come in passato questo evento si realizzerà grazie alla collaborazione della Presidenza della Commissione Pari opportunità e diritti civili del Comune di Milano che da anni, su questo tema, si è posto in attenzione e ascolto delle diverse sensibilità ed esigenze del territorio.

>>>>> Si ricorda che per accedere a Sala Alessi bisogna registrarsi. E’ possibile registrarsi prima dell’iniziativa sul sito del comune di Milano: www.comune.milano.it/salaalessi

 

 

In ricordo di Donatella De Gaetano

DONATELLA DE GAETANO, Coordinatrice della Consulta dal 2009 al 2014, è mancata il 2 febbraio 2019.

Questo il ricordo di Luciano Belli Paci (da Facebook):


"Era una carissima amica. Con lei ho condiviso una lunga militanza politica, prima nei DS (dove ci eravamo conosciuti nella sezione Milanocentro, che sarebbe poi diventata circolo Aldo Aniasi), poi nel Circolo Carlo Rosselli e infine nella Consulta milanese per la Laicità delle Istituzioni.
Della Consulta per la Laicità è stata anche coordinatrice dal 2009 al 2014.
Era preparata, appassionata, generosa, leale. Una bella persona. Una grande perdita."

Una legge sul testamento biologico

Approvato dalla Camera dei deputati  il 20 aprile e subito inviato al Senato, il disegno di legge in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento, noto ai più come "Testamento Biologico", rischia di non essere approvato a causa dell'imminente (e presunto) scioglimento anticipato delle Camere.

Dopo anni di discussioni e di lavori, e dopo esser riusciti a sintetizzare in un disegno di legge decine di proposte presentate alla Camera il rischio di buttare via tutto e ripartire da zero appare sempre più reale e a rimetterci, come spesso succede, purtroppo saranno i cittadini e i loro diritti.

La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni, con l'obiettivo di mantenere viva l'attenzione sulla regolamentazione del "fine vita", a cui guarda con attenzione la maggioranza degli italiani, propone un dibattito e confronto tra diverse posizioni e sensibilità con lo scopo di conoscere meglio il testo della legge in discussione.

Lunedì 19 giugno - Ore 20.30

Tempio della Chiesa Valdese di Milano

Via Francesco Sforza 12/a

Ne parliamo con 

Emilia De Biasi - Senatrice | Presidente commissione Sanità Senato della Repubblica

Marco Cappato - Associazione Luca Coscioni

Antonietta Cargnel - Già Primario Malattie infettive Ospedale Sacco Milano

Luca Savarino -  Professore Bioetica - Università del Piemonte orientale.

Modera l’incontro:  Jacopo Tondelli - Giornalista | Fondatore e direttore del sito web di “gli Stati Generali.”

AGENDA LAICA. Quali impegni per la prossima legislatura?

Lunedì 19 febbraio, ore 20.30

presso la Sala della Libreria Claudiana, in via Francesco Sforza 12/a

La legislatura appena conclusa ha segnato il raggiungimento di significativi traguardi in tema di diritti civili, ma quali sono gli orientamenti degli schieramenti in campo, e che scelte possiamo aspettarci dai futuri eletti in Parlamento e in Consiglio Regionale?
Come ogni anno, in occasione del 17 febbraio, Giornata per la laicità, la libertà di pensiero e il pluralismo religioso, la Consulta Milanese per la Laicità delle istituzioni invita a un appuntamento di approfondimento e riflessione, per quest'anno dal titolo:

AGENDA LAICA. 
QUALI IMPEGNI PER LA PROSSIMA LEGISLATURA?

I temi che approfondiremo sono quelli su cui la Consulta ha elaborato negli ultimi anni diverse iniziative ed è portatrice di esperienze dirette sul territorio.
Il FINE VITA, sia per fotografare la situazione dopo la recente approvazione della legge sul testamento biologico, sia per discutere sugli effetti dell'autodeterminazione individuale ed i limiti dell'obiezione di coscienza.
Una LEGGE PER SULLA LIBERTA’ RELIGIOSA, per evidenziare le carenze normative in materia di pluralismo e quindi la difficoltà dell'esercizio di diritti costituzionali, ma anche come strumento per allineare il nostro Paese alla Costituzione Europea, che parifica le associazioni filosofiche alle comunità religiose.
L'OTTO PER MILLE e le sue incongruenze, che da scelta individuale lo rendono strumento indiretto di finanziamento pubblico di attività di culto e confessionali.
Le opportunità di una LEGGE CONTRO L'OMOTRANSFOBIA, che in questa legislatura ha visto l'approvazione solo in una delle due Camere, rimanendo poi nel dimenticatoio.
Infine, un approfondimento sulla questione SCUOLA E RELIGIONI, che non tocca solo il già noto dibattito sull'insegnamento della religione cattolica, ma anche la presenza delle religioni nel contesto scolastico, temi che hanno arricchito la cronaca di questi anni (dal velo ai presepi, per semplificare) non sempre valorizzando il tema dei diritti e dell'inclusione.

Ne parleremo con alcuni candidati: Luciano Belli Paci (Liberi e Uguali); Barbara Bonvicini (Più Europa); Stefano Buffagni (Movimento 5 Stelle); Anna Camposampiero (Potere al Popolo); Diana de Marchi (Partito Democratico). Inoltre, sono stati invitati: Alessandro Morelli (Lega), Pietro Tatarella (Forza Italia).

Comune di Milano ODG a favore del pluralismo religioso

Depositato in Consiglio Comunale di Milano Ordine del Giorno a favore del pluralismo religioso.

Una città plurale si costruisce a partire dalla laicità.

In occasione della  Giornata per la laicità, della libertà di pensiero e del pluralismo religioso la Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni, insieme alla Commissione pari opportunità e diritti civili del Comune di Milano presieduta dalla Consigliera Diana De Marchi, ha organizzato un convegno durante il quale si sono approfonditi i  problemi e i vincoli che le Amministrazioni comunali affrontano nel garantire la libertà di culto nel territorio da loro governato, in quanto diritto costituzionale.

Infatti, l’assenza nel nostro ordinamento di una legge che definisce cosa è o cosa non è religione impedisce il rispetto delle normative e rischia di costringere le comunità religiose alla clandestinità e al camuffamento in altro tipo di organizzazione.

Con la collaborazione dell'Avvocato Ilaria Valenzi, consulente della Fcei (Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia) e di Alberto Fossati, professore di Diritto costituzionale presso l’Università Cattolica durante il convegno si  è presentata una proposta di Ordine del Giorno che è stato accolto e depositato nei giorni scorsi in Consiglio Comunale di Milano da Diana De Marchi e altri consiglieri,  che sarà discusso in una apposita seduta, e che invita il Parlamento a legiferare in materia di pluralismo religioso.

Auspichiamo per tanto anche il successo dell’iniziativa promossa dalla Fondazione Astrid, in programma domani giovedì 6 aprile a Roma presso la Sala Zuccari del Senato, durante la quale, dopo oltre due anni di lavoro, un gruppo di giuristi coordinato dal costituzionalista Roberto Zaccaria renderà pubblica una proposta per un disegno di legge in materia di libertà di coscienza e religione.

Marco Mori, coordinatore della Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni, dichiara: “Le comunità religiose – con o senza intesa con lo Stato – sono tantissime. Con la Consulta laica abbiamo voluto stimolare un dibattito che speriamo da Milano arrivi ad altri comuni della Lombardia, regione nella quale con una legge pretestuosa si sta di fatto vietando la costruzione di luoghi di culto, ledendo così i diritti costituzionali dei cittadini.”

Diana De Marchi dichiara: “Mi auguro che questo ordine del giorno venga approvato in modo trasversale, infatti dobbiamo favorire tutti la convivenza armoniosa e costruttiva tra le diverse religioni per consolidare la coesione sociale e promuovere i percorsi di integrazione, nel rispetto della Costituzione. Il riconoscimento del pluralismo religioso è indispensabile perché solo dove ci sono rispetto, inclusione e integrazione le diverse comunità religiose contribuiscono al consolidamento della società civile tutta, questo è un investimento importante per il futuro del nostro Paese e dei nostri diritti costituzionali.”

Mori conclude: “il nostro tempo è spesso caratterizzato da modalità di gestione del fenomeno religioso solo in termini di emergenza ed estremismo, ed estremisti spesso sono gli interventi delle istituzioni, che vietando o non riconoscendo le diversità di appartenenza, o non appartenenza, finiscono con alimentare incertezza e non quella sicurezza che invece si prefiggono di garantire. Solo regole democratiche e il principio di laicità delle istituzioni possono garantire piena eguaglianza e il rispetto dei diritti costituzionali.”

Eventi e ricorrenze laiche

August 2019
M T W T F S S
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1