Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, acconsenti ed accetti l'uso dei cookie.

Lettera aperta alla cittadinanza per le elezioni europee 2014

Cara concittadina, caro concittadino,

tra pochi giorni si potrà votare per eleggere il nuovo Parlamento Europeo; questa tornata elettorale riveste particolare importanza, non solo per l’opportunità di dare soluzione alla crisi economica europea e garantire un futuro di equilibrio, pace e prosperità ma anche perché, per la prima volta nella storia delle elezioni europee, gli Stati Membri dell'UE dovranno tenere conto dei risultati dell’urna per nominare il candidato/la candidata a presidente della Commissione.

Su 13 partiti politici europei, cinque hanno nominato un/a candidato/a per sostituire l'attuale presidente della Commissione nell’autunno del 2014 (Jean-Claude Juncker per il PPE, Martin Schulz per il PES, Guy Verhofstadt per i Liberali, Ska Keller per i Verdi, Alexis Tsipras per la Sinistra Europea). Qui il link al dibattito televisivo del 15 maggio che li ha visti confrontarsi su diversi temi: http://www.elections2014.eu/presidential-debate/it


Il Parlamento è l’unica istituzione europea eletta a suffragio diretto ed è uno dei cardini del sistema decisionale europeo, contribuendo all'elaborazione di quasi ogni leggi dell'UE in parallelo con i parlamenti nazionali. La nuova maggioranza politica che emergerà dalle elezioni dunque contribuirà a formulare la legislazione europea per i prossimi cinque anni in settori che spaziano dal mercato unico alle libertà civili.

La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni invita i milanesi e le milanesi ad esprimere il proprio voto valutando se all’interno del programma del partito prescelto siano rispettate:  

  • la laicità delle istituzioni (nessuna ingerenza da parte di strutture confessionali di qualsiasi fede) come valore ispiratore dell’intera politica europea;
  • la libertà di pensiero, di coscienza, di espressione e di religione, compresa la libertà di avere o di non avere una religione e di cambiare religione, l’Articolo 17 del Trattato di funzionamento dell'UE (TFUE) menziona un dialogo «aperto, trasparente e regolare» tra le istituzioni europee e le Chiese e le organizzazioni non confessionali 
  • la difesa dei diritti umani, tra i quali in primis: uguaglianza dei sessi, diritti delle persone LGBT, diritti sessuali e riproduttivi, promozione della ricerca libera, accesso all'educazione per tutti/e.

La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni è seriamente preoccupata dall’impatto sul futuro dell’Europa e dell’Italia di tre diversi fattori che incombono sulla prossima tornata elettorale:  

  • populismo: il livello del dibattito pubblico è stato ridotto ad un ragionamento povero, che propone una visione bianco/nero ad un elettorato deluso; l’utilizzo di carisma personale, capacità oratorie e nuovi media ha banalizzato i temi sociali riducendoli a divisioni tra gruppi (società civile contro politici, persone oneste contro corrotti, la gente contro il potere) e proponendo facili soluzione demagogiche;
  • nazionalismo: il discorso xenofobo è tornato a richiamare consensi, in nome di identità nazionali “tradizionali”; l’inclusività e la solidarietà tra i popoli sono da alcuni partiti ritenuti un attacco all’Europa, vista come una fortezza contro i movimenti migratori e le politiche di integrazione;
  • oscurantismo e fondamentalismo: l’esperienza del rapporto Estrela sui diritti sessuali e riproduttivi può essere solo il primo esperimento di sovvertimento  dei valori laici alla base dell’Unione Europea.

L’appello che la Consulta rivolge ai milanesi ed alle milanesi laiche è perciò di non far arretrare l’Europa ad una società in cui i diritti sono negoziabili e concessi da poteri che si nutrono dell’odio per chi è diverso o debole, per sesso, etnia, confessione.

L’Europa deve continuare ad essere uno spazio di libertà, eguaglianza e solidarietà.

 Le campagne che la Consulta invita a considerare

 

European Network Church On The Move

 La Rete europea Church on the Move si impegna per lo sviluppo di un'Europa basata sulla coesione sociale,  su politiche democratiche che si oppongano al potere  della economia di mercato e non si sottomettano all'egemonia della finanza internazionale, principale responsabile della crisi finanziaria; il miglioramento del welfare, della giustizia sociale e dell'occupazione in Europa; la valorizzazione della cittadinanza europea attraverso il miglioramento del funzionamento democratico delle istituzioni dell'Unione Europea;  lo sforzo concorde dei cittadini europei per resistere al fondamentalismo, al nazionalismo e al populismo. 

www.en-re.eu/en25/

 

 

Conference of European Churches

 

La Conferenza delle Chiese Europee, insieme ad altre realtà cristiane, ha realizzato una campagna denominata “L’Europa ti riguarda” per esprimere le preoccupazioni, le visioni e le speranze per il futuro dell’Europa; è un invito alle chiese ed ai cristiani in Europa a contribuire al dialogo sui valori che dovrebbero modellare l’Unione.  

E’ stato inoltre realizzato un sito specifico dove consultare le informazioni su quelli che sono stati selezionati come punti chiavi nella prospettiva delle elezioni europee.  

http://www.ceceurope.org/fileadmin/filer/csc/European_Elections2014/IT_eU_CEC_DL.pdf

http://ecumenicalvoices2014.eu/ 

 

ILGA Europe

 

Piattaforma Come Out, sottoscrivibile da candidate e candidati, composta da 10 azioni (es. tabella di marcia per il riconoscimento di uguali diritti alle persone LGBTI, la stretta sorveglianza sul rispetto dei diritti umani negli Stati membri, completamento di una legislazione globale contro le discriminazioni e un impegno legislativo contro la violenza omotransfobica, promozione di una definizione inclusiva di famiglia, ecc.)

http://www.ilga-europe.org/home/how_we_work/european_institutions/ep2014

 

Arcigay

 

Campagna di monitoraggio delle candidature in chiave LGBTI: all’interno di ciascun partito sono individuati e valorizzati i candidati e le candidate ritenuti affidabili, a scapito di quelli e quelle ritenuti, al contrario, inaffidabili. Gli utenti possono inoltre votare online i propri candidati preferiti, contribuendo a determinare il loro “rainbow factor”, un punteggio che, assieme alla piattaforma Ilga Europe e al giudizio di Arcigay, contribuisce a determinare il profilo di ciascuno dei nomi in corsa.  

www.cominciatu.eu 

 

Women

Are Europe

 

Manifesto della rete italiana WAE.  Io decido: con queste parole le donne di Spagna e d’Europa hanno risposto al tentativo di controriforma della legge spagnola sull’aborto. In questo momento di grave crisi economica e culturale, sia a livello nazionale che europeo, si vede compromessa l’autonomia economica delle donne, più di quanto accada per gli uomini, e si assiste alla messa in discussione di diritti che si pensavano consolidati.

http://womenareurope.wordpress.com/

 

European Women’s Lobby

 

Manifesto redatto dalla maggiore organizzazione femminista europea, supportato da divers* candidat* in Europa, nessun* in Italia; comprende 3 istanze generali e 5 specifiche:  un quadro complessivo per raggiungere la parità di genere, finanziamenti sostenibili e politiche credibili, indipendenza economica delle donne, democrazia paritaria, una società inclusiva, un’Europa senza violenza sulle donne, una diversità eguale.

http://womenlobby.org/get-involved/ewl-campaigns-actions/elections-european-parliament-2014/?lang=en

 

Federazione Umanista Europea (EHF)

 

Le elezioni europee 2014 saranno cruciali per gli umanisti d’Europa. L’ascesa dei partiti populisti radicali, la persistenza di conservatorismo tradizionalista in diversi Stati membri dell’Unione e l’azione di lobbying europea degli estremisti religiosi mettono alla prova i valori progressisti. Il Coordinamento Nazionale delle Consulte Laiche aderisce al manifesto di EHF.  

http://www.torinolaica.it/federazione-umanista-europea/2117-ehf-manifesto-per-le-elezioni-europee-2014.html

 

Informazioni sulle modalità di voto

Come si vota, chi si vota e dove si vota: sito speciale del Comune di Milano:

http://elezioni.comune.milano.it/index.html

 

Per informazioni sul funzionamento del Parlamento Europeo e sui gruppi europei:

http://www.elections2014.eu/it

Elezioni europee 2014 Lettera aperta alla cittadinanza

Cara concittadina, caro concittadino,

la Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni ti invita ad esprimere il voto valutando se all’interno del programma del partito prescelto siano rispettate: 

  • la laicità delle istituzioni (nessuna ingerenza da parte di strutture confessionali di qualsiasi fede) come valore ispiratore dell’intera politica europea;
  • la libertà di pensiero, di coscienza, di espressione e di religione, compresa la libertà di avere o di non avere una religione e di cambiare religione, l’Articolo 17 del Trattato di funzionamento dell'UE (TFUE) menziona un dialogo «aperto, trasparente e regolare» tra le istituzioni europee e le Chiese e le organizzazioni non confessionali 
  • la difesa dei diritti umani, tra i quali in primis: uguaglianza dei sessi, diritti delle persone LGBT, diritti sessuali e riproduttivi, promozione della ricerca libera, accesso all'educazione per tutti/e.

La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni è seriamente preoccupata dall’impatto sul futuro dell’Europa e dell’Italia di tre diversi fattori che incombono sulla prossima tornata elettorale: 

  • populismo;
  • nazionalismo;
  • oscurantismo e fondamentalismo. 

L’appello che la Consulta rivolge ai milanesi ed alle milanesi laiche è perciò di non far arretrare l’Europa ad una società in cui i diritti sono negoziabili e concessi da poteri che si nutrono dell’odio per chi è diverso o debole, per sesso, etnia, confessione.

L’Europa deve continuare ad essere uno spazio di libertà, eguaglianza e solidarietà.

LEGGI IL TESTO COMPLETO DELLA LETTERA QUI

La buona educazione: MATERIALI

 

La Consulta ringrazia le convenute ed i convenuti, le relatrici, i relatori, la Libreria Claudiana per l'ottima riuscita dell'incontro del 12 maggio 2014.

Per chi intenda documentarsi sui temi affrontati, qui sotto un elenco di risorse; le slide illustrate sono scaricabili a questa pagina (utilizzabili integralmente e con citazione della fonte).

Giornata Mondiale contro l'Omotransfobia: http://dayagainsthomophobia.org/

STRATEGIA NAZIONALE PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO DELLE DISCRIMINAZIONI BASATE SULL’ORIENTAMENTO SESSUALE E SULL’IDENTITÀ DI GENERE 2013 – 2015:  http://www.unar.it/unar/portal/?p=1921

Progetto Rainbow: http://www.rainbowproject.eu/material/it/introduction.htm

Volume "Forme moderne di eterosessismo" : http://www.arcilesbica.it/documenti/Forme_moderne_eterosessismo.pdf

Leggere le differenze - Bibliografia ragionata contro gli stereotipi di genere: http://www.leggereledifferenze.it/

Progetto promosso dalle Consigliere provinciali di parità di Milano e Monza Brianza in collaborazione con Afol Milano - ImPari a acuola: http://www.impariascuola.it/

Video di Alessandra Ghimenti - Il cielo è sempre più blu: https://www.youtube.com/user/AlessandraGhimenti

La Meridiana - casa editrice: http://www.lameridiana.it/

Settenove - casa editrice: http://settenove.wordpress.com/

Lo Stampatello - casa editrice: http://www.lostampatello.com/

Claudia Martini - intervista sulle questioni di genere a scuola: http://lapoesiaelospirito.wordpress.com/2014/04/07/vivalascuola-169/

NonUnoDiMeno - associazione - http://www.nonunodimeno.net/

EDUCARE ALLE DIFFERENZE: http://www.scosse.org/educare-alle-differenze-20-settembre-2014-roma/

17 maggio 2014: giornata contro l'omotransfobia

La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni aderisce alle attività organizzate dal Coordinamento Arcobaleno di Milano e provincia:

ORE 15:45 - piazza Argentina - Flashmob "L'omotransfobia è al capolinea"

ORE 17:30 - Casa dei Diritti - Via De Amicis 10 - Visioni di un altro genere

Segnaliamo inoltre altre iniziative a Milano e provincia che contribuiscono per il 2014 ad una giornata particolarmente partecipata!!! Diverse le realtà che organizzano, incluso un Consiglio di Zona (la 3) ed un comune (Sesto San Giovanni):

17 maggio ORE 14:45 --> presentazione del libro "Gesù e le persone omosessuali" di Paolo Rigliano, presso la Casa dei Diritti - organizzata da AGEDO

17 maggio ORE 17:30 --> Proiezione del film "Le lesbiche non esistono - Doc", presso Auditorium Zona3 - organizzata da LIbera la Cultura e PoliEdro

17 maggio ORE 18-20 --> presentazione del progetto More Directions, presso Spazio Contemporaneo Carlo Talamucci - Sesto San Giovanni - organizzata dal Comune di Sesto San Giovanni

18 maggio ORE 16:00 --> incontro Omofobia e lesbofobia: le buone prassi per contrastarle - presso Casa delle Donne

La buona educazione

lunedì 12 maggio 2014

alle ore 20:30

sala della Libreria Claudiana

Via F. Sforza 12/a – Milano

Nessuna dottrina,
molti strumenti,
diverse realtà

La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni quest’anno celebra la Giornata mondiale contro l’omotransfobia invitando la cittadinanza ad un incontro sulla libertà di insegnamento nella scuola pubblica, il 12 di maggio alle ore 20:30 in libreria Claudiana.

In un mondo in cui siamo tutti quotidianamente esposti a messaggi su ruoli di genere e modelli di relazione stereotipati, l’educazione dei nuovi adulti sui temi dell’affettività e della sessualità è fondamentale per raggiungere diversi obiettivi: proteggere bambine e bambini dal fenomeno della adultizzazione, prevenire la violenza di genere, garantire il rispetto delle differenze e contrastare il bullismo omotransfobico, diminuire l’esposizione a rischi di malattie sessualmente trasmissibili e gravidanze indesiderate.

La scuola deve poter svolgere il proprio ruolo educativo garantendo il rispetto di ogni diversità; alla scuola pubblica non solo deve essere permesso ma va chiesto, di realizzare percorsi che aiutino bambine e bambini a decodificare e smontare modelli identitari e di relazione che possono destabilizzare la loro crescita.

La nostra proposta del 12 maggio - da condividere e far crescere - è un’idea di azione educativa inclusiva: video, informazioni, libri, esperienze di una scuola pubblica che si oppone al clamore aggressivo dei maestri della cattiva educazione e crea i presupposti per uno sviluppo sereno dell’affettività e della sessualità delle nuove generazioni. 

AGENDA

Brevi video destinati alle scuole primarie (progetto Rainbow - Rights Against Intolerance Building an Open Minded World)

Luisa Bordiga – Coordinatrice della Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni – Cronache di ordinaria omofobia: cardinali e maschi selvatici all’attacco della scuola pubblica

Stefano Masson – NonUnoDiMenoLibero ne è l’insegnamento

Lidia Gherarducci -  insegnante di scuola primaria - L’esperienza del progetto imPARiaSCUOLA all'IC Pisacane Poerio

Claudia Martini - insegnante di scuola Secondaria di Primo grado - Quando entro in classe, cerco di educare al rispetto delle differenze Quando entro in classe, cerco di educare al rispetto delle differenze

Vincenzo Viola – Amici della Consulta per la Laicità delle Istituzioni – Il caso della censura mediatica del volume Di che genere sei, edito da La Meridiana

su FB: https://www.facebook.com/events/1439533519625596/

Eventi e ricorrenze laiche

November 2017
M T W T F S S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3