Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, acconsenti ed accetti l'uso dei cookie.

17 maggio 2014: giornata contro l'omotransfobia

La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni aderisce alle attività organizzate dal Coordinamento Arcobaleno di Milano e provincia:

ORE 15:45 - piazza Argentina - Flashmob "L'omotransfobia è al capolinea"

ORE 17:30 - Casa dei Diritti - Via De Amicis 10 - Visioni di un altro genere

Segnaliamo inoltre altre iniziative a Milano e provincia che contribuiscono per il 2014 ad una giornata particolarmente partecipata!!! Diverse le realtà che organizzano, incluso un Consiglio di Zona (la 3) ed un comune (Sesto San Giovanni):

17 maggio ORE 14:45 --> presentazione del libro "Gesù e le persone omosessuali" di Paolo Rigliano, presso la Casa dei Diritti - organizzata da AGEDO

17 maggio ORE 17:30 --> Proiezione del film "Le lesbiche non esistono - Doc", presso Auditorium Zona3 - organizzata da LIbera la Cultura e PoliEdro

17 maggio ORE 18-20 --> presentazione del progetto More Directions, presso Spazio Contemporaneo Carlo Talamucci - Sesto San Giovanni - organizzata dal Comune di Sesto San Giovanni

18 maggio ORE 16:00 --> incontro Omofobia e lesbofobia: le buone prassi per contrastarle - presso Casa delle Donne

La buona educazione: MATERIALI

 

La Consulta ringrazia le convenute ed i convenuti, le relatrici, i relatori, la Libreria Claudiana per l'ottima riuscita dell'incontro del 12 maggio 2014.

Per chi intenda documentarsi sui temi affrontati, qui sotto un elenco di risorse; le slide illustrate sono scaricabili a questa pagina (utilizzabili integralmente e con citazione della fonte).

Giornata Mondiale contro l'Omotransfobia: http://dayagainsthomophobia.org/

STRATEGIA NAZIONALE PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO DELLE DISCRIMINAZIONI BASATE SULL’ORIENTAMENTO SESSUALE E SULL’IDENTITÀ DI GENERE 2013 – 2015:  http://www.unar.it/unar/portal/?p=1921

Progetto Rainbow: http://www.rainbowproject.eu/material/it/introduction.htm

Volume "Forme moderne di eterosessismo" : http://www.arcilesbica.it/documenti/Forme_moderne_eterosessismo.pdf

Leggere le differenze - Bibliografia ragionata contro gli stereotipi di genere: http://www.leggereledifferenze.it/

Progetto promosso dalle Consigliere provinciali di parità di Milano e Monza Brianza in collaborazione con Afol Milano - ImPari a acuola: http://www.impariascuola.it/

Video di Alessandra Ghimenti - Il cielo è sempre più blu: https://www.youtube.com/user/AlessandraGhimenti

La Meridiana - casa editrice: http://www.lameridiana.it/

Settenove - casa editrice: http://settenove.wordpress.com/

Lo Stampatello - casa editrice: http://www.lostampatello.com/

Claudia Martini - intervista sulle questioni di genere a scuola: http://lapoesiaelospirito.wordpress.com/2014/04/07/vivalascuola-169/

NonUnoDiMeno - associazione - http://www.nonunodimeno.net/

EDUCARE ALLE DIFFERENZE: http://www.scosse.org/educare-alle-differenze-20-settembre-2014-roma/

Lettera al Presidente ATM per i biglietti "papali"

Milano, 24 aprile 2014

Oggetto: BIGLIETTO ATM COI PAPI GIOVANNI XXIII E GIOVANNI PAOLO II

Egregio dr. Rota,
apprendiamo dal Vostro comunicato del 23 aprile 2014 che “un biglietto con l’immagine stilizzata di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II viene emesso da ATM in occasione della loro canonizzazione il 27 aprile a Roma” e che “dal 24 aprile e fino al 10 maggio, questi titoli di viaggio per i mezzi pubblici milanesi” saranno distribuiti come prima
emissione “speciale” da riproporre “in occasione di altri eventi e ricorrenze di assoluta rilevanza”.


La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni raccoglie diverse realtà che considerano la laicità un valore fondante per una società che intenda arricchirsi delle rispettive diversità, di cultura, genere, orientamento sessuale, coscienza e fede religiosa; l’iniziativa di cui in oggetto riteniamo sia un potente strumento comunicativo che nega tale valore e vanifica, tra gli altri, i molti interventi posti in essere dal Comune di Milano per garantire politiche inclusive per cittadine e cittadine di diverse fedi e non credenti.


ATM è un’azienda che fin dalla sua fondazione appartiene all’intera cittadinanza e verso la quale la cittadinanza nutre imperitura gratitudine per avere contribuito con il sommo sacrificio alla lotta antifascista.

Lungi da noi interferire con le logiche di marketing che hanno portato la struttura comunicativa da Lei diretta a deliberare l’apertura della serie speciale con la canonizzazione dei due papi, ma ci permettiamo di criticare l’opportunità di considerare dell’intera cittadinanza un evento religioso di una comunità di fede certamente numerosa, ma non rappresentativa di tutte le opinioni presenti nella nostra città e in Italia.

Non ci pare opportuno che un’azienda come ATM stabilisca a none di tutti e tutte la partecipazione di “Milano con i papi “ .

In attesa di un Suo cortese e sollecito riscontro, Le inviamo i nostri più cordiali saluti.

 

Qui di seguito il testo della risposta inviata dal dr. Rota il 13 maggio 2014:

La buona educazione

lunedì 12 maggio 2014

alle ore 20:30

sala della Libreria Claudiana

Via F. Sforza 12/a – Milano

Nessuna dottrina,
molti strumenti,
diverse realtà

La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni quest’anno celebra la Giornata mondiale contro l’omotransfobia invitando la cittadinanza ad un incontro sulla libertà di insegnamento nella scuola pubblica, il 12 di maggio alle ore 20:30 in libreria Claudiana.

In un mondo in cui siamo tutti quotidianamente esposti a messaggi su ruoli di genere e modelli di relazione stereotipati, l’educazione dei nuovi adulti sui temi dell’affettività e della sessualità è fondamentale per raggiungere diversi obiettivi: proteggere bambine e bambini dal fenomeno della adultizzazione, prevenire la violenza di genere, garantire il rispetto delle differenze e contrastare il bullismo omotransfobico, diminuire l’esposizione a rischi di malattie sessualmente trasmissibili e gravidanze indesiderate.

La scuola deve poter svolgere il proprio ruolo educativo garantendo il rispetto di ogni diversità; alla scuola pubblica non solo deve essere permesso ma va chiesto, di realizzare percorsi che aiutino bambine e bambini a decodificare e smontare modelli identitari e di relazione che possono destabilizzare la loro crescita.

La nostra proposta del 12 maggio - da condividere e far crescere - è un’idea di azione educativa inclusiva: video, informazioni, libri, esperienze di una scuola pubblica che si oppone al clamore aggressivo dei maestri della cattiva educazione e crea i presupposti per uno sviluppo sereno dell’affettività e della sessualità delle nuove generazioni. 

AGENDA

Brevi video destinati alle scuole primarie (progetto Rainbow - Rights Against Intolerance Building an Open Minded World)

Luisa Bordiga – Coordinatrice della Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni – Cronache di ordinaria omofobia: cardinali e maschi selvatici all’attacco della scuola pubblica

Stefano Masson – NonUnoDiMenoLibero ne è l’insegnamento

Lidia Gherarducci -  insegnante di scuola primaria - L’esperienza del progetto imPARiaSCUOLA all'IC Pisacane Poerio

Claudia Martini - insegnante di scuola Secondaria di Primo grado - Quando entro in classe, cerco di educare al rispetto delle differenze Quando entro in classe, cerco di educare al rispetto delle differenze

Vincenzo Viola – Amici della Consulta per la Laicità delle Istituzioni – Il caso della censura mediatica del volume Di che genere sei, edito da La Meridiana

su FB: https://www.facebook.com/events/1439533519625596/

25 aprile 2014

Cambiare la politica per cambiare il Paese

nel solco dell’antifascismo e della Costituzione

La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni accoglie e sottoscrive anche quest'anno l'appello dell'ANPI per celebrare nelle strade del centro cittadino l'importante anniversario della Liberazione.

Le associazioni che si riconoscono la laicità come uno dei valori fondanti della Repubblica si danno appuntamento

alle 14:00 in corso Venezia 47 (Palazzo Castiglioni),

dietro allo striscione della Consulta.

Il corteo si muoverà alle 14:30. Questo il programma.

Il comunicato dell'ANPI

Siamo di fronte, nel nostro Paese, travagliato da una gravissima crisi economica, a una delicatissima fase politica ed istituzionale, al rischio della dissoluzione delle regole e dei valori che rendono possibile la sopravvivenza dello stato di diritto e della stessa democrazia, ad una caduta senza precedenti dell’etica pubblica, al manifestarsi quasi quotidiano di fenomeni di corruzione.

La conseguenza inevitabile di questa deriva è costituita dal venir meno della speranza nella possibilità di cambiamento e da una grave perdita di fiducia da parte dei cittadini nei confronti delle istituzioni e della politica. Il distacco sempre più preoccupante dei cittadini dalla cosa pubblica va superato, con una politica diversa e dotata di una progettualità che, richiamandosi ai valori della Resistenza, sia al servizio della collettività e del bene comune.

Al lavoro, valore fondante della Repubblica, deve essere restituito il suo ruolo, eliminando il contrasto stridente tra i principi costituzionali e la durissima realtà del nostro Paese. Ma bisogna anche restituire a tutti i valori e principi della Costituzione il primato nella vita politica e nella vita quotidiana, privilegiando il rispetto della dignità delle persone e valorizzando una cultura, che partendo dal rinnovamento della scuola, e dalla ricerca, assuma connotati squisitamente innovativi.

Quest’anno ricorre il 70° anniversario della Guerra di Liberazione ed in particolare degli scioperi del marzo 1944. Il ricordo e la riflessione devono farsi più vivi e diffusi affinché la memoria di quella pagina straordinaria ci aiuti a comprendere meglio il presente ed a disegnare un futuro migliore. Si tratta di cambiare l’Italia, ma nello stesso anche l’Europa, che deve essere unita, sociale e antifascista.

Preoccupano le recrudescenze del neofascismo e del neonazismo e l’avanzata della destra più nera, a partire dalla Francia, ma anche in molti Paesi d’Europa, compresa l’Italia.

Questo ci impegna a celebrare il 25 aprile, Festa nazionale della Liberazione, con un particolare vigore, che, esaltando la memoria dei combattenti per la libertà e dei tanti che per essa persero la vita, punti a rafforzare la democrazia ed a garantire la pace.

L’unità di tutti i sinceri democratici e antifascisti è lo strumento migliore e più solido per uscire dalla crisi economica, politica e morale e per ricostruire quella democrazia, in Italia e in Europa, che è la più efficace garanzia di libertà, uguaglianza e dignità. Il faro che ci deve guidare, in questo impegno, è la Costituzione, che va difesa da ogni attacco e va finalmente attuata in tutti i suoi aspetti, in modo che i principi su cui si fonda riescano ad assumere piena efficacia, per adeguare la realtà alle esigenze dei cittadini e delle cittadine.

Milano, 10 Aprile 2014

Comitato Permanente Antifascista contro il terrorismo per la difesa dell’Ordine Repubblicano

Eventi e ricorrenze laiche

August 2019
M T W T F S S
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1