Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, acconsenti ed accetti l'uso dei cookie.

17 febbraio 2014: Milano città aperta

Pluralismo, Diritti, Uguaglianza dei cittadini
dalla “Carta di Milano” una nuova spinta per la libertà di religione e d'opinione


Pluralismo, diritti, uguaglianza dei cittadini: molti diritti sanciti dalla nostra Costituzione non trovano ancora piena applicazione in diversi campi della vita sociale.
La Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni propone quest’anno una riflessione sui rapporti tra le Istituzioni e le comunità religiose presenti a Milano. Alcune di queste hanno costituito il Forum delle Religioni che ha recentemente prodotto un documento – la Carta di Milano 2013 – che richiama la necessità di un nuovo approccio e nuove regole. Simboli religiosi negli spazi pubblici, luoghi di culto, insegnamento religioso nella scuola pubblica, ospedali e carceri: questi alcuni degli argomenti trattati nel documento.
Problemi concreti di libertà, tolleranza e convivenza, già oggetto di attenzione nei precedenti incontri proposti dalla Consulta, che hanno bisogno di un confronto pubblico tra soggetti diversi e i differenti punti di vista.

INCONTRO PUBBLICO
Sala Consiliare Provincia di Milano – Palazzo Isimbardi

C.so Monforte , 35
lunedì 17 febbraio 2014 ORE 20:30

Interventi di:

Massimo Clara
Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni

Gianfranco Bottoni
Redazione della Carta del Forum Religioni Milano

Lucia Castellano
Consigliere regionale Patto Civico con Ambrosoli

Sumaya Abdel Qader
Direttivo Coordinamento Associazioni Islamiche di Milano e Provincia e Monza e Brianza

GUARDA QUI IL VIDEO DELL'INTERVENTO

Valeria Rosini
UAAR - Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti

LEGGI QUI IL TESTO DELL'INTERVENTO

Francesco Cappelli
Assessore all'Educazione e all'Istruzione -Comune di Milano

SALUTO ISTITUZIONALE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI MILANO BRUNO DAPEI


Yo decido - Decido io - 1 febbraio 2014

“YO DECIDO - DECIDO IO”: LE DONNE DI MILANO IN PIAZZA SABATO 1° FEBBRAIO AL CONSOLATO SPAGNOLO. APPUNTAMENTO ALLE 14,30 IN PIAZZA CAVOUR.

Il 1° febbraio in molte città europee si manifesterà sotto le ambasciate e i consolati di Spagna in solidarietà con le donne che in quel paese si oppongono al progetto di riforma della legge sull’aborto, che smantella la legge Zapatero, autorizzandolo solo in caso di stupro o di grave rischio per la salute fisica o psichica della donna certificato da due medici.

Le associazioni di donne manifestano anche contro il Parlamento Europeo che ha respinto la mozione Estrela in difesa dei diritti sessuali e riproduttivi. Ma la manifestazione avrà anche un contenuto più legato alla realtà italiana, dove di giorno in giorno viene messa in discussione dall’obiezione di coscienza (per lo più strumentale), la legge che permette un aborto sicuro e gratuito.

La mobilitazione, organizzata dalla rete WOMENAREUROPE, a Milano è stata promossa da un ampio cartello di associazioni: UsciamodalSilenzio, Libera Università delle Donne, Consultori Privati Laici, Giulia-giornaliste unite libere autonome, La città delle donne di Z3xMi, Tavolo consultori, Casa delle donne Milano, Donne nella crisi, Donne laboratorio dei beni comun, Gruppo Donne comitato zona 3 Milano, DonneInQuota, Donne in rete, Donne della CGIL, Consulta milanese per la Laicità delle Istituzioni, Amici della Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni, Soggettività lesbica, Unione Atei Agnostici Razionalisti. Tra le prime adesioni Monica Chittò, Sindaco, e la Giunta comunale di Sesto S. Giovanni, Sara Valmaggi Vice Presidente Consiglio Regione Lombardia, Adalucia De Cesaris, Vicesindaco, con le Assessore della Giunta del Comune di Milano, Francesca Zajczyk, Delegata alle Pari Opportunità del Comune di Milano, Anita Sonego, Presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano.

L'appuntamento per chi vorrà partecipare, è alle ore 14,30 al Consolato Spagnolo, con ritrovo in piazza Cavour

 

Senza oneri per lo Stato

Un principio costituzionale da rispettare: no al finanziamento alle scuole private

Convegno Nazionale di Formazione

MILANO - sabato 26 ottobre 2013 – h. 9:30-17:00
Liceo Classico Carducci


Via Beroldo 9 (Viale Brianza)
 (MM 1 2 Loreto; Tram 1; Filovia 90/91/93; Bus 55/56)
Direttore Corso: Antonia Sani

PROGRAMMA

Ore 09.30 Inizio dei lavori   Presidenza: Antonia Sani (Associazione Per la Scuola della Repubblica), Stefano Masson (Associazione NonUnodiMeno), Bruno Moretto (Comitato Art.33 Bologna), Monica Fabbri (Associazione Amici della Consulta Milanese per la Laicità Istituzioni)

Saluti - Prof. Basilio Rizzo (Presidente Consiglio Comunale di Milano)
Il buono scuola lombardo alle private è anticostituzionale -  Prof. Giansandro Barzaghi (NonUnodiMeno)
Il referendum di Bologna ha vinto nonostante “i giganti dai piedi di argilla” - Prof. Giorgio Tassinari (Comitato Art.33 Bologna)
La Scuola della Costituzione vista dal Movimento degli Studenti
Interventi di Associazioni, Comitati, Organizzazioni Sindacali, Forze sociali e politiche

Il sistema integrato Pubblico/Privato è in contrasto con la Scuola della Costituzione - Avv. Corrado Mauceri (Ass. Per la Scuola della Repubblica)

Costruire un movimento nazionale per la riqualificazione della Scuola della Costituzione - Prof.ssa Marina Boscaino (Ass. Per la Scuola della Repubblica)
Ore 14.30 - Ripresa del dibattito        Ore 16.00 – Conclusioni

ADESIONI: Segreteria Nazionale Flc/Cgil, Presidenza Cidi Nazionale, Uds, Rete della Conoscenza, Link,
Saveria Antiochia Omicron, Educaci, Centro Puecher, Usb Nazionale, Coordinamento Precari Flc/Cgil Milano, Rifondazione Comunista, Alba, Coord.Nord/Sud,Tavolo Reg.Toscana, Punto Rosso, CubSur, Comitato Art.33 Bari, ReteScuole Crema, Circolo Uaar Milano, Comitato Genitori Scuola Trotter Mi, Costituzionebenicomuni, Adesso Basta, Tavolo Reg. Lazio, Coord.Scuole di Roma, Usi, Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni, Coordinamento Nazionale delle Consulte per la Laicità delle Istituzioni, Sinistra Ecologia LIbertà Milano e Lombardia

Il personale della scuola di ogni ordine e grado è esonerato dal servizio,  ai sensi della D.M. 90/2003 e il corso rientra fra i 5 giorni di aggiornamento previsti dal CCNL

Testamento Biologico a Milano: come si fa?

Dal 18 novembre 2013 il Comune di Milano mette concretamente a disposizione della cittadinanza il Registro per il testamento biologico, dopo un lunghissimo e tortuoso percorso che ha visto il Comitato IO SCELGO tra i piu' attivi promotori, supportato dalla Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni e dagli Amici della Consulta.
La richiesta del Comitato (fondato nel 2012) prevedeva che il Comune conservasse le direttive anticipate di trattamento sanitario e istituisse un registro dei milanesi che le avevano depositate. Non è stato possibile, per rispetto alla normativa sulla privacy, ottenere la conservazione delle direttive, mentre è stato istituito un registro.
Ogni cittadino e cittadina,purchè residente, potrà quindi validamente lasciare disposizioni a medici e familiari sul da farsi in caso di una malattia o di un incidente che procuri uno stato di incoscienza permanente ed irreversibile (art. 32 Cost. "nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario"). Gli "atti depositati al registro possono essere richiesti dal dichiarante o da persona di sua fiducia, ma anche dal responsabile della struttura sanitaria presso cui si trovala persona", come prevede la delibera comunale.

Aperto l'ufficio per il registro dall'Assessorato alle Politiche Sociali. Qui il link con tutte le info:

http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/servizi/sociale/Registo_attestazioni_anticipate_volonta

Il primo concetto da chiarire è che rappresenta una scelta individuale, libera e consapevole. Le dichiarazioni anticipate si riferiscono ai trattamenti sanitari che il cittadino o la cittadina intende o non intende consentire, in situazione di perdita di coscienza permanente e irreversibile.

Altro concetto-chiave da chiarire è che dal punto di vista procedurale sono previste 2 fasi:
1. deposito del testamento (presso diversi enti/associazioni)
2. registrazione del testamento (presso il Comune previo appuntamento)

SUl sito www.ioscelgo.info, sono reperibili le informazioni necessarie (aggiornate continuamente) ed in particolare relative al deposito; sono elencati i luoghi del deposito del biotestamento, coi rispettivi riferimenti: Chiesa Valdese, Associazione Luca Coscioni, Fondazione Veronesi, luoghi privati o medico curante; è allo studio una tariffa calmierata da definire con il consiglio notarile.

Ovviamente il sito del Comune, alla sezione Piano di Sviluppo del Welfare, è fondamentale per reperire le informazioni ufficiali e scaricare i moduli per la registrazione: uno per il dichiarante ed uno per ogni fiduciario incaricato per l’esecuzione delle proprie volontà (fino a 3 fiduciari).

Oltre al Testamento Biologico, il Registro milanese potrà raccogliere:
- le disposizioni anticipate su prelievi e trapianti di organi o tessuti
- le disposizioni anticipate sulla cremazione e dispersione delle ceneri.





Conferenza Stampa ricorso TAR Buoni scuola

giovedì 4 luglio 2013 alle ore 11 c/o la Camera del Lavoro di Milano (sala Teresa Noce 1° piano)

 

La “dote per la libertà di scelta”, istituita nel dicembre 2007 dalla Giunta Regionale lombarda, è una forma di finanziamento indiretto, ma esclusivo, alla scuola privata che assorbe gran parte delle risorse regionali destinate alla scuola. Una forma di sostegno dagli aperti caratteri di INCOSTITUZIONALITA’ perché esclude formalmente tutte le famiglie che iscrivono i figli alla scuola pubblica statale, determinando così una disparità di trattamento tra cittadini del tutto inaccettabile.

Per queste ragioni l’Associazione “NonUnodiMeno” e l’Flc/Cgil presenteranno in una CONFERENZA STAMPA le ragioni del ricorso al TAR da parte di 2 genitori con figli iscritti ad una scuola pubblica assistiti dal noto costituzionalista Avv. Angiolini.

La CONFERENZA STAMPA si terrà giovedì 4 luglio 2013 alle ore 11 c/o la Camera del Lavoro di Milano (sala Teresa Noce 1° piano) con la presenza del Segr. Naz. dell’Flc/Cgil Domenico Pantaleo, del Segr. Reg. dell’Flc/Cgil Corrado Barachetti, del Prof. Giorgio Tassinari del Comitato Art.33 di Bologna e rappresentanti delle forze che hanno aderito alla Petizione per la cancellazione della “Dote per la libertà di scelta” dalla Fiom, all’Arci, a ReteScuole, al Cidi Nazionale, alla Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni, a Rifondazione Comunista.

Per l’Associazione “NonUnodiMeno” Il Presidente Giansandro Barzaghi

Per l’Flc/Cgil di Milano la Segretaria Caterina Spina

http://www.nonunodimeno.net/spip.php?article1815

Eventi e ricorrenze laiche

August 2018
M T W T F S S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2