Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, acconsenti ed accetti l'uso dei cookie.

Quaderni Laici nr. 12

QUALI RELAZIONI TRA SCIENZA E DEMOCRAZIA LAICA?

Tra scienza e democrazia esistono differenze significative nonché importanti
analogie che comportano potenzialità "eversive".

Se la scienza è un'impresa collettiva che permette di raggiungere,
attraverso sistemi di verifica empirica e di controllo incrociato, un
accordo su fatti corroborati oltre ogni ragionevole dubbio, quali rapporti
esistono tra essa e la democrazia laica?
Apparentate, tanto che le si potrebbero dire "cugine", scienza e democrazia
laica non sono tuttavia coincidenti né sovrapponibili:
esistono, infatti, differenze significative nonché importanti analogie.
Queste ultime derivano dall'applicazione dello spirito critico e della
razionalità, dal rifiuto di ogni dogmatismo, fondamentalismo e assolutismo,
che conferiscono loro una permanente potenzialità "eversiva".
Per i suoi metodi, i suoi processi interni e le sue regole, la scienza si
rivela quindi una palestra quotidiana di democrazia e laicità.

*       La scienza, palestra quotidiana di democrazia e di laicità.
*       Scienza e laicità, il continuo ripensamento di questioni e categorie
teoriche.
*       Scienza e democrazia laica, conquiste fragili e non scontate.

 

Saggi: Pietro ADAMO, Carlo BERNARDINI, Aldo FASOLO, Orlando FRANCESCHELLI, Giulio GIORELLO, Anna MELDOLESI, Manuela MONTI, Alberto PIAZZA, Telmo
PIEVANI e Carlo Alberto REDI.

Dibattito: Corrado AUGIAS, Domenico MELIDORO, Giancarlo ANELLO e KHALED QATAM

Per scaricare un brano del volume:
http://www.claudiana.it/pdf/9788870169874-saggio.pdf